Alessandro Piangiamore

L’arte è una continua ridefinizione

Roma, Magazzino Arte: incontro con Alessandro Piangiamore, durante la sua mostra titolata “Quaranta”.

Attratto dalla pittura, Piangiamore si definisce scultore perchè lavora con la materia, il cemento ma anche le cere, sempre materiali con una storia; le cere sono residui di candele provenienti da chiese e da altri luoghi, mentre nel cemento affiorano calchi e impronte di fiori. L’artista racconta che è dal quotidiano che trae i suoi stimoli, da uno componente effimera che lo attrae e che lo porta a trovare fiori recisi o gettati che poi imprime in lastre composte da materiali da costruzione.

“La responsabilità più grande di un artista consiste nel fare nella maniera più onesta possibile: nell’onestà si riesce a trasmettere una verità personale – non necessariamente condivisibile – ma un punto di vista inedito rispetto alle lingue normalmente parlate”.

Mostra visitata nel mese di ottobre 2016

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... 468 ad