Maddalena Ambrosio

Riflessioni sull’animo dell’artista

Vive a Milano, ha da poco cambiato studio.

L’incontro con Maddalena Ambrosio (Napoli 1970) è stata più una conversazione personale sull’essere artista, sulle dinamiche di vita, sul senso di responsabilità;  le riflessioni sono state anche sulla genesi di un’opera, cosa comporta realizzare un lavoro, come la realtà entra nell’opera.  Ancora: interessante il suo punto di vista sulla razionalità o irrazionalità oggi, o sulle sensazioni che lei prova davanti a una sua opera completata.

Maddalena ha impiegato anni per accettare questo sguardo diverso che sentiva di possedere. Ha dovuto scendere in profondità per capire che qualsiasi cosa facesse non sarebbe riuscita a cancellare la sua vera natura, il suo desiderio di espressione artistica.

E’ attenta osservatrice della realtà prima che si fissi in forme definitive e compiute, cercando in essa i suoi principi essenziali.

Persona simpatica, spontanea, ha raccontato di sè, dei suoi interessi, passioni, pensieri, della sua attenzione all’animo umano.

Nei suoi lavori sono spessso ravvisabili dicotomie basate su corpo-mente, uomo-macchina, uomo-tecnologia, verità-menzogna.

Sente forte, attualmente, il bisogno di ritornare ad una sorta di “punto zero” sia nei contenuti che nella forma, a un terreno più solido sul quale fondarsi nuovamente.

Le sue opere sono realizzate con più tecniche e materiali, fotografie, video, installazioni, sculture, basate sulla ricerca di formule estetico-matematiche, un modo per riportare tutto ad una perfezione rassicurante che, se fallisse nel suo intento, possa comunque manifestare la trasparenza dell’animo umano in tutta la sua incertezza.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... 468 ad