Postcards from Beirut

Cercatori di margini

Incontro a Firenze con Elisabetta Mori e Rocco Poiago, Postcards from Beirut.

Nell’Autobiografia spiegano perchè si sono dati questo nome.

I lavori che creano -esperienze- nascono da fatti di cronaca, da loro riflessioni sul presente, da cortocircuiti o da “bufale” individuate su Wikipedia. Nell’intervista si raccontano in modo spontaneo e divertente, parlano di loro progetti, della capsula del tempo, una capsula sotterrata in un giardino contenente il necessario per un picnic previsto tra 50 anni; di travel food, un viaggio con carta di imbarco, una ricerca sul cibo come identità ma anche come coesione.

Hanno realizzato un lavoro per I luoghi della scienza a Firenze, una ricerca su accadimenti, fatti curiosi, valorizzando scoperte involontarie.

Si definiscono “artisti su commissione” per la necessità di avere limiti, ma il dialogo con loro apre a nuove percezioni, come la ricerca fatta sui muri di separazione esistenti tra nazioni o città, Wall paper, The Wall (archives) un progetto curato da Pietro Gaglianò, o la ricerca sull’avvistamento degli ufo a Firenze.

Nella parte finale dell’intervista si parla di cosa significa essere artisti.

Rocco Poiago si occupa di grafica e di editoria d’arte, Elisabetta Mori ha studiato Architettura a Eindhoven e a Firenze.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... 468 ad