Luca Vitone

“Sistemare il mondo al mondo”

Luca Vitone, incontrato nel suo studio a Milano, riflette su una frase di Alighiero Boetti per sintetizzare la pratica di un artista il quale, ragionando su se stesso, sui materiali e sul linguaggio utilizzato cerca di creare qualcosa di nuovo che porti ad una riflessione, cercando di arrivare a possibili risposte.

Luca Vitone (Genova 1964) vive ora a Berlino. A Milano è stato per diversi anni, ma ha ancora lo studio pieno di libri e si percepisce la sua presenza, nonostante ora sia di passaggio (in occasione della chiusura della sua mostra Non siamo soli, edizione Elèuthera con scritti di Franco La Cecla).

“Creare è qualcosa di più intenso” afferma l’artista rispetto all’autoriflessione e alla consapevolezza, temi che abbiamo trattato nell’intervista insieme alle dinamiche di pensiero e ai suoi progetti, per i quali spesso collabora con antropologi o urbanisti. Maria Candida Gentile, una profumiera, “un naso”, lo ha coadiuvato nella realizzazione dell’opera per la Biennale 2013 incentrata sul tema dell’invisibilità, Per l’eternità, un lavoro sulle polveri nocive, conseguenza delle pratiche edilizie, l’eternit.

La sua pratica artistica, iniziata negli anni Ottanta, si concentra sull’idea di luogo e ci invita a rivedere ciò che è acquisito o conosciuto attraverso l’arte, le mappe, la musica, il cibo. Il suo video, girato a Casale Monferrato racconta di come l’amianto ha trasformato un luogo, ritenuto decenni fa fonte di ricchezza e di “progresso”, con drammatiche conseguenze.

I suoi monocromi, sempre realizzati con polveri e pigmenti (derivati dalla vita quotidiana come polveri, ceneri…) , sono anch’essi metafora di quella che è stata la parabola modernista del Novecento.

Anche il suo sito è un’opera: lucavitone.eu dove riflette sull’idea di controllo attraverso il web. Si vedono l’ora e le sue coordinate geografiche se Luca decide di attivare il cellulare. Noi pensiamo di essere liberi….

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger... 468 ad