Alessandro Sarra: dentro la pittura

alessandro sarra

Roma, studio di Alessandro Sarra (Roma, 1966).

Cosa significa fare pittura oggi? Per Alessandro Sarra “dipingere è un gesto politico”, nel senso che con la pittura ci si sottrae ai tempi veloci del presente.

Quando ha iniziato a dipingere la domanda che si è fatto più spesso e che ha continuato a porsi è cosa poteva interessargli maggiormente, anche come spettatore. La risposta è il ritmo, ottenuto attraverso varie stesure del colore per forzare i limiti della pittura.

“Il ritmo è l’aspetto fondante del mio lavoro, insieme alla ricerca dello spazio della pittura, all’aspetto temporale, sempre presente, e a una ricerca di equilibrio tra segno e scrittura pittorica”. Una riflessione, dunque, sulla pratica della pittura, osservata dall’interno.

Dalla lettura trae spunti e immagini, ma ama maggiormente il teatro per il rapporto diretto con l’accadimento.

Legge Percival Everett.

Egle Prati

Storica dell’arte, pubblicista.
Autrice di TalkingArt, ama l’arte contemporanea e il pensiero degli artisti.

Vedi tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on telegram
Share on whatsapp
Share on email

Link